lunedì, novembre 2

Budino di zucca & caramello

La zucca nel post! Cari lettori, ultimamente si parlava di stagionalità, territorio e cibo inteso come espressione culturale. Cibo vissuto, radice storica, atto estremo di socializzazione. Cosi oggi avremmo pensato ad un frutto strettamente legato alla tradizione popolare, grossa bacca carnosa dai molti semi e filamenti molli, creatura fiabesca, qualcuno lo chiama maiale dei contadini poveri. E siccome del maiale non si butta via niente (meno male) immaginatevi l’uso smisurato che della zucca riusciamo a fare nel nostro paese. Oltre alla polpa, utilizzata per risotti, zuppe, sformati e creme, i semi possono essere abbrustoliti e salati in superficie (i bruscolini della tradizione laziale) e la buccia affettata, bollita e fritta. La lista dei piatti sarebbe bella lunga dal pancotto marchigiano, ai tortelli lombardi per arrivare ai ficatu di sette cannuola di Palermo (questa la dovete provare). Io ho scelto un dolce, utilizzando una zucca comune o d’inverno, ma consiglio caldamente di provare delle varietà altrettanto pregiate come la Marina di Chioggia, la Mantovana e se siete al Sud la Lunga di Napoli! Vi lascio alla ricetta e alla poesia di un simpatico poeta scoperto per caso nei meandri della rete. Un abbraccio.

Daéa semensa impiantà
‘na succa cressarà,
là torno el
leamaro
o in cao aéa piantà.
Ghi nè de tanti tipi e gusti.
Suche bone cresse nel duro,
nel morbio soéo par darghe da magnare ai mas-ci.
‘Na volta se parlava de suche anca a scoéa,
i maestri bateva par vedare se a succa jera voda.
Aéa festa dei morti
la succa se svodava
rento un lumin se impissava
nel balcon se afaciava,
quanta fifa se ciapava
par la zente che passava.
La succa nasse in primavera,
cresse d’està,
la more in autunno.
La succa sà de fiò soe stae,
sora la stua a scaldare
mentre a zente jera a sgrafojare [Valerio]

Ingredienti x 6 persone

500 gr di zucca
2 uova
1/2 stecca di vaniglia
1/2 litro di latte
3 gr di zucchero

Lessare la zucca in acqua bollente, scolare e lasciare asciugare in forno. Sbucciarla, eliminarne i semi e passarla al passaverdura. Bollire il latte con 200 gr. di zucchero e la vaniglia, lasciarlo intiepidire e poi unirlo alla zucca e alle uova battute. Intanto caramellare il restante zucchero e distribuire sul fondo degli stampini, aggiungere il composto di zucca e cuocere in forno a bagnomaria, 180 C per circa un’ora. Lasciar raffreddare per qualche ora, sformare e servire.

Tratto da [L’orto. 720 piatti dall’aglio alla zucca – SlowFood Editore 2005]


Remo Morretta

Etichette: , , , ,

10 Comments:

Blogger silvia said...

Ciao! E' la prima volta che faccio un giro sul vostro blog e devo dire che mi piace molto!
Posso darvi un consiglio? Mettete le foto più grandi perchè sono davvero molto belle e vederle così piccole è un peccato!!

6/11/09 4:26 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Grazie per i complimenti!
Siamo in attesa di pubblicare il MU 2.0. Di lì in poi le foto avranno il formato che si meritano.
Ciao e a presto.
S.

6/11/09 8:33 PM  
Anonymous MsGourmet said...

I could eat budino all day!

10/11/09 7:58 AM  
Blogger lefrancbuveur said...

quando si parla di zucca, io accorro! :)
ciao
Enrico

10/11/09 4:10 PM  
Anonymous GNAM said...

Ciao ho visto che hai un bel sito di cucina per questo ti invito a partecipare ed iscriverti a GNAM.
GNAM e' il social news italiano di ricette proposto dalla Brigata di Cucina.it. E' un modo nuovo per conoscere nuove ricette, per far conoscere il tuo lavoro o il tuo sito web. Gnam e' la piattaforma ideale per condividere i tuoi progetti culinari e per diffonderli in modo semplice ed intuitivo.
Ci trovi all'indirizzo www.brigatadicucina.it
Ti Aspettiamo
Lo Staff
info@brigatadicucina.it

19/11/09 6:30 PM  
Anonymous Anonimo said...

avete visto che siete fra i blog più belli d'Italia? complimenti http://ovverosia.blogspot.com/2009/05/i-blog-piu-belli-ditalia-lista.html

20/11/09 1:48 AM  
Blogger miciapallina said...

WOW!!!
Bellissimo budino!
Mi viene una voglia di farlo che già mi prudono le zampine!
Anzi.... intanto me lo stampo e appena ho il tempo si va di zuccaparty!

miciapallina che non commenta mai ma che ti segue sempre!

3/12/09 11:54 AM  
Anonymous Lalore said...

Ogni tanto passo di qua, mi piace, c'è calma, belle ricette e belle parole. Questa sera sono qui per un motivo preciso, ovvero la ricetta di questo budino...o forse della torta ciocc mandorle ricotta? Argh, non ho tempo per fare le due cose, devo scegliere!
Saluti
Lalore

9/12/09 8:43 PM  
OpenID machetiseimangiato said...

Bel blog e bel post.
Sto scoprendo la zucca in questi anni. Questa ricetta è molto invitante. La
zucca è veramente il maiale dei poveri, non perchè sia povera. Piuttosto perchè
è veramente versatile, come hai detto tu.

30/12/09 11:33 AM  
OpenID artetecaskitchen said...

Questa la faccio mia; mi intriga assai la zucca dolce.
Felice 2010
Fabrizio

6/1/10 8:01 PM  

Posta un commento

<< Home